Il nostro Network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels/Alloggi | Ristoranti/Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | Youtube | Google+ | iPhone | Android | Windows Phone |
Domenica 11 Dicembre 2016

I volti di Maria alla Porziuncola. Un percorso per immagini

Nella nota preghiera Saluto alla Beata Vergine, San Francesco definisce Maria “Vergine fatta Chiesa”. Si tratta di uno dei titoli più significativi utilizzati dal Poverello di Assisi per indicare il ruolo e l’identità della Vergine di Nazareth. Egli riprende in tal modo la tradizione patristica che accosta frequentemente la Vergine Maria alla Chiesa affiché l’una illumini il significato dell’altra nella storia della salvezza. Non è arduo rileggere questo testo poetico immaginando San Francesco in preghiera nella piccola chiesa della Porziuncola. Presso di essa infatti, in ragione della devozione alla Madre di Dio, egli ha vissuto i momenti più salienti della sua vita e della sua missione, così come insistentemente sottolineato da san Bonaventura: «ispirato dalla grazia divina, condusse i suoi dodici frati a Santa Maria della Porziuncola, perché voleva che l’Ordine dei minori crescesse e si sviluppasse, sotto la protezione della Madre di Dio, là dove, per i meriti di lei, aveva avuto inizio» (LegM IV,5).
L’analogia Maria-Chiesa emerge in modo del tutto evidente nel Santuario della Porziuncola, intitolato alla Madonna degli Angeli, così come in tutti i santuari mariani, una presenza assai significativa e considerevole in ogni regione del mondo. In questo si potrebbe parlare – come già ebbe a dire Papa Giovanni Paolo II – «di una specifica geografia della fede e della pietà mariana, che comprende tutti questi luoghi di particolare pellegrinaggio per il popolo di Dio, il quale cerca l’incontro con la Madre di Dio per trovare, nel raggio della materna presenza di Colei che ha creduto, il consolidamento della propria fede» (Angelus, 26 giugno 1987).
Per le suddette ragioni, a partire dal prossimo 13 marzo e fino al 30 ottobre, sarà organizzata una mostra presso la Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli in Porziuncola, che avrà per titolo proprio Virgo ecclesia facta. Essa avrà due sezioni: la prima – allestita lungo l’itinerario delle memorie francescane, all’interno del santuario – ha per titolo Il significato dei santuari mariani. Guadalupe, e vuole evidenziare il senso culturale ed ecclesiale di quello straordinario patrimonio mondiale che sono i santuari dedicati alla Vergine Maria. In particolare la mostra si soffermerà sul Santuario della Vergine di Guadalupe, il luogo della più antica apparizione riconosciuta dalla Chiesa Cattolica.
Una seconda mostra – allestita presso la Sala San Pio X del Museo della Porziuncola – denominata I volti di Maria alla Porziuncola. Un percorso per immagini, cercherà invece di illustrare come la Vergine di Nazareth è stata raffigurata nel tempo presso il Santuario della Porziuncola. Lo farà attraverso l’esposizione di riproduzioni grafiche e di opere d’arte che in essa hanno Maria per soggetto. La Basilica di Santa Maria degli Angeli infatti conserva testimonianze artistiche di indiscutibile valore sia per ciò che concerne la storia dell’iconografia mariana, sia per quanto riguarda la storia stessa dell’arte. Entrambi gli allestimenti prevedono l’esposizione anche di opere e oggetti d’arte raramente esposti al pubblico e custoditi normalmente negli archivi del Museo della Porziuncola.
L’inaugurazione della mostra avverrà il 13 marzo 2011, alle ore 16.00 presso i locali del Museo della Porziuncola, interverranno il professor Fidel Gonzáles Fernández della Pontificia Università Urbaniana e Gregoriana e S.E. Mons. Domenico Sorrentino, Vescovo di Assisi.

Orario: Tutti i giorni dalle 07.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 19.00. ENTRATA LIBERA.
Organizzazione della mostra a cura di: Opera della Porziuncola e Asterisco Pubblicità Snc

Opera della Porziuncola
P.zza Porziuncola 1
06081 Santa Maria degli Angeli – Assisi
Perugia
075/8051419
www.porziuncola.org
opera@porziuncola.org

Invia una domanda