Il nostro Network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels/Alloggi | Ristoranti/Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | Youtube | Google+ | iPhone | Android | Windows Phone |
Lunedì 5 Dicembre 2016

Il film sulla vita di Don Pierino Gelmini

Il film, girato quasi per intero presso la Comunità Incontro di Amelia (Tr), vede l’attore Fernando Altieri – già interprete di Oscar Luigi Scalfaro ne “Il divo” di Paolo Sorrentino – nel ruolo di Don Pierino, il quale sin dall’inizio ha acconsentito alla realizzazione del film dando l’autorizzazione ad effettuare le riprese presso il Molino Silla, sede della Comunità Incontro.
Nell’ultimo giorno di riprese, Don Gelmini si è intrattenuto con la troupe volendo conoscere di persona l’attore che interpreta la sua figura, avendo modo di apprezzarne l’estrema somiglianza.
Il lungometraggio sarà presentato in anteprima per la stampa e le autorità al Citiplex Politeama Lucioli di Terni il 1 aprile alle ore 21. Le proiezioni proseguiranno successivamente fino al 7.
 
 
SCHEDA DEL FILM:
 
Titolo: Don Pierino
Durata: 85’, colore
Anno di produzione: 2011
Formato: 2,35:1 letterbox anamorfico
Sceneggiatura e regia: Andrea Sbarretti
Cast: Fernando Altieri. Vania Ficola, Alessandro Samsa, Matteo Cecchini, Barbara Mantini, Roberto Rosati, Sandro Fiorelli, Gianluca Celi, Gianluca Nasi, Greta Gernini, Roberto Bracoloni, Gianni Neri, Domenico Benedetti Valentini.
Trailer:   www.andreasbarretti.it/donpierino.htm
 
 
SINOSSI
 
A Roma, nel lontano 1963, un sacerdote incontra Alfredo, ragazzo che cambierà il corso della sua vita.
Quel sacerdote è Don Pierino Gelmini, il quale tiene a precisare di sentirsi un sacerdote e non un prete, poiché la figura del prete evoca in lui l’idea di un professionismo religioso da cui il sacerdozio, al contrario esperienza di dedizione quasi missionaria agli altri, si differenzia.
La religione è vista cioè da Don Pierino un fatto burocratico, mentre la vera fede in Dio impone una vita vissuta all’insegna del totale perseguimento del bene altrui.
Dapprima a Roma, poi nella Comunità Incontro di Amelia, inizia così ad accogliere ragazzi finiti nel tunnel della tossicodipendenza tentandone il recupero.
Si trova però a dover fronteggiare non pochi ostacoli di varia natura, ad iniziare dalle resistenze delle istituzioni, a cui “il don” rimprovera di distribuire, attraverso i Sert, quello che egli definisce una “droga di stato”: il metadone.
Il suo atteggiamento anticonformista lo porterà poi a scontrarsi con diverse personalità, sia politiche che ecclesiastiche, con conseguenze che investiranno anche la sua vita privata e che sfoceranno nelle note vicende giudiziarie.
 
 
DICHIARAZIONI DEL REGISTA
 
Credo di aver ricreato un personaggio che si avvicina di molto all’originale nelle movenze, nello sguardo, nel modo di parlare. Insomma un film che racconta un Don Pierino dal di dentro, grottesco, a tratti ironico a tratti duro, ma sicuramente vero, anticonvenzionale e persino un po’ anticlericale.
Il film è caratterizzato da uno stile curato, con dialoghi sottili che andranno a svelare la profonda introspezione psicologica ed il carattere deciso del sacerdote.
Ho lavorato molto sulla sceneggiatura, poiché il mio timore era quello di mettere in bocca a Don Pierino frasi che non avrebbe mai pronunciato. Ho avuto dunque cura di leggere i suoi libri, le riviste e gli opuscoli in cui esprime i suoi pensieri. Ho cercato altresì di capire come funziona realmente la Comunità Incontro recandomi decine di volte al Molino Silla e negli altri centri presenti in Umbria. Ho parlato con i ragazzi ospiti, con i collaboratori e con Don Pierino stesso, il quale mi ha dato sin da subito, sin dal primo colloquio avvenuto due anni fa, il permesso a girare il film presso la comunità.
Penso di avere quindi estrapolato un Don Pierino a tratti sicuramente duro, ma capace di commuoversi di fronte a un fiore. Insomma un personaggio determinato, forte, dai modi decisi ma affabili, in una parola un personaggio, questo è il termine giusto, ottenuto calcando a volte la mano, ma giusto il tanto che basta per delinearne meglio i contorni, per renderli più visibili e per attribuire un taglio comunque cinematografico, cioè interessante anche per lo spettatore. Un film, alla fine dei conti, resta infatti pur sempre un prodotto destinato al pubblico, e al pubblico deve piacere.
Con Fernando Altieri c’� stato un lungo lavoro per studiare e mettere a punto gli atteggiamenti del sacerdote, il suo modo di camminare, l’intercalare della voce. Insieme abbiamo visionato decine di filmati del “don”, provato e riprovato le scene fino allo sfinimento. Non è un caso se il progetto è partito due anni fa; proprio la difficile ricerca del volto giusto ha fatto slittare il tutto di diversi mesi. Alla fine però gli sforzi sono stati ripagati, quando, durante le riprese, è successo che un ragazzo della comunità si sia rivolto a Fernando credendolo il Don Pierino vero. In quel momento ho provato un’immensa soddisfazione.
La scelta di un protagonista un po’ più giovane degli attuali 86 anni di Don Pierino è dovuta al fatto che il film vuole rappresentare al meglio l’intera epopea del religioso di Amelia, per cui ho ritenuto opportuno orientarmi su un’età intermedia tra quella attuale e quella che ha reso celebre il sacerdote nel mondo. Serviva cioè un personaggio forte e grintoso,
Per quanto riguarda la realizzazione, il mio desiderio era quello di sfruttare le geometrie ordinatissime della comunità, utilissime per il mio gusto di prospettive futuriste nelle inquadrature, e diventava quindi indispensabile girare il film presso il Molino Silla. Volevo inoltre una storia fedele a quanto avviene nella realtà; non ho inventato nulla. Ambientare il film in un luogo che non fosse la Comunità Incontro significava realizzare un film falso, e per rendere invece il lavoro il più veritiero possibile ho colto dei momenti di vita reale girando le scene durante l’attività ordinaria della comunità. Nel montaggio finale troveranno pertanto spazio delle scene vere, in un mix tra fiction e documentario.
 
CONTATTI
Produzione 3287672127 (Doriano Morani)
Regia 3283584608 (Andrea Sbarretti)
www.andreasbarretti.it

Invia una domanda