Il nostro Network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels/Alloggi | Ristoranti/Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | Youtube | Google+ | iPhone | Android | Windows Phone |
Lunedì 5 Dicembre 2016

Il sentiero di Francesco

Torna anche in questo settembre 2011 la proposta dell’itinerario ormai noto come “Il Sentiero di Francesco”.
L’antico tracciato verrà ripercorso dal primo al 3 settembre, grazie all’evento che giunge quest’anno alla terza edizione. L’iniziativa è promossa dalle diocesi di Assisi -Nocera Umbra – Gualdo Tadino e di Gubbio, d’intesa con le famiglie francescane e il sostegno della Regione dell’Umbria, della Provincia di Perugia, delle amministrazioni comunali di Gubbio, Assisi e Valfabbrica e delle Comunità montane dell’Alta Umbria e dei Monti Martani – Serano – Subasio.
Il pellegrinaggio 2011 sarà dedicato al tema “riconciliazione con Dio” e prevede una riflessione sull’argomento, sollecitata dalla presenza di un testimone e di un esperto, alla quale parteciperanno le autorità istituzionali e religiose del territorio.
Il primo settembre, alle ore 8,30, dopo la liturgia presso il vescovato di Assisi e la visita alla tomba di san Francesco, il pellegrinaggio inizierà uscendo da Porta San Giacomo per concludersi in serata a Valfabbrica.
Qui i pellegrini parteciperanno a un incontro presso la Chiesa di San Sebastiano, dove avranno l’occasione di ascoltare un testimone che racconterà l’esperienza della sua riconciliazione con Dio. Il prof. Marco Moschini illustrerà le dinamiche di questo cammino che riconduce l’uomo a Dio, ristabilendo il sublime rapporto tra il Creatore e la sua creatura. L’incontro offrirà al pellegrino una prima opportunità di riflessione sul significato profondo della scelta di mettersi in cammino sulla via della pace lungo il sentiero del “Poverello”. Al termine della prima giornata è previsto un momento conviviale con la partecipazione alla cena e alla “Festa d’Autunno”, organizzata dalla Proloco di Valfabbrica.
Caprignone e San Pietro in Vigneto saranno invece le tappe principali in programma per il secondo giorno, che si chiuderà, come gli altri, con un momento di riflessione e di preghiera. Il percorso della terza e ultima giornata, dopo il passaggio all’Abbazia di Vallingegno, porterà i pellegrini fino alla chiesa della Vittorina a Gubbio, tappa conclusiva del pellegrinaggio. Proprio lì, nel luogo dell’incontro tra San Francesco e il Lupo, il 3 settembre si terrà il raduno nazionale dell’Associazione Affidatari Allevatori del Lupo Italiano, che partecipa anche al pellegrinaggio francescano.
Il cammino da Assisi a Gubbio, ripercorso ricalcando le tracce di san Francesco, ha lo scopo di far toccare ai partecipanti i luoghi che furono testimoni di alcuni dei momenti più intensi della sua vita e della sua conversione, di rievocare e di far proprio l’itinerario spirituale che ha portato il Santo di Assisi alla riconciliazione con Dio e alla conquista della fede.

Con Francesco di Assisi
sulla via della riconciliazione

Sono lieto di accogliere, con il confratello Vescovo di Gubbio, i pellegrini de “Il Sentiero di Francesco”, nel vescovado da cui Francesco, otto secoli fa, mosse i primi passi della sua nuova libertà.
Quanto egli realizzò, nel gesto dello “spogliamento”, getta luce anche sul tema scelto quest’anno per la marcia: la riconciliazione con Dio.
A prima vista, quel celebre episodio non ha nulla a che vedere con la riconciliazione. Appare anzi un gesto di rottura, una dichiarazione di “guerra”. La famiglia di Pietro di Bernardone va in frantumi. L’ultima chance di riconciliazione, nella decisione di Francesco, sembra svanire.
Se si guarda più a fondo, le cose non stanno proprio così. Ciò che Francesco frantuma non è la famiglia, ma piuttosto l’idolo che la corrodeva, il “dio-denaro”. Abbattendo quell’idolo, Francesco poneva la condizione per un rapporto vero tra le persone. Quelle sue braccia levate verso l’azzurro – come nel dipinto giottesco – sono il segno della nuova libertà, che egli sceglie per sé e propone a tutti. In alto, nell’affresco, si vede la mano di Dio: a quella mano Francesco si aggrappa, sapendo che dall’unità con Dio scaturisce una nuova unità anche con i fratelli. Verranno presto dei “frati”: una fraternità più intensa e profonda della famiglia terrena. Persino il mondo materiale è “fraternizzato”: frate sole, sora luna, sora acqua…
Non a caso, il luogo in cui Francesco si liberò di tutto, fu anche il luogo in cui egli fece eseguire la strofa del cantico riguardante il perdono: “beati quelli che perdonano per lo tuo amore…”. Chi è riconciliato con Dio, perdona. Il canto aiutò due contendenti, il vescovo e il podestà, a riconciliarsi. Una città tornava alla pace sotto il segno di Dio.
Auguro a quanti, anche quest’anno, muovono dal vescovado di Assisi verso Gubbio, sulle orme di Francesco, di attingere da lui il senso profondo della riconciliazione con Dio, sorgente di riconciliazione con gli altri e con tutte le cose.
Mons. Domenico Sorrentino
Vescovo di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino

Sui passi di Francesco per
riscoprire l’anima dell’Umbria
 L’insegnamento di Francesco è parte importante dell’identità degli umbri, e ripercorrerne i sentieri dei pellegrinaggi assume, ancora oggi, un significato tutto particolare.
Francesco è sicuramente un Santo universale, e indiscutibile è la diffusione del francescanesimo nel mondo. Allo stesso tempo, tuttavia, Francesco è un Santo profondamente umbro. Forse, tra i santi della nostra regione, è stato quello che più di tutti si è identificato con l’Umbria ed il suo paesaggio, le sue valli, i suoi monti. Nei suoi pellegrinaggi, Francesco ha percorso il nostro paesaggio, dolce e aspro al tempo stesso. In quell’inarrivabile inno alla vita che è il Cantico, questo paesaggio è specchio dell’opera divina e, quindi, innanzitutto gioia. Mi piace pensare che i santi umbri, e Francesco su tutti, siano santi al tempo stesso dolci e aspri come la nostra terra, perché sono dei combattenti, non hanno mai rinunciato a testimoniare le proprie idee.
Per cui noi diamo molto valore a questa iniziativa, perché pensiamo che riscoprire i luoghi di Francesco sia, in fondo, riscoprire i luoghi degli umbri, dell’anima e del carattere profondo della nostra gente.
Ecco perché vorrei ringraziare le Diocesi di Gubbio e di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino per l’organizzazione de “Il Sentiero di Francesco”.
Fabrizio Bracco
Assessore al Turismo – Regione dell’Umbria
 

Programma del pellegrinaggio
 
Giovedì 1° settembre 2011
Assisi – Valfabbrica: 15 km circa
 
8.30 Partenza dal vescovato di Assisi, sosta alla tomba di san Francesco e inizio del cammino.
10.00Sosta e ristoro
12.00Pieve di San Nicolò, pranzo al sacco
16.00Arrivo a Valfabbrica e ristoro
18.00Incontro con il prof. Marco Moschini, docente di Filosofia teoretica all’Università degli Studi di Perugia, e testimonianza di Palmiro Mariucci
19.30Cena presso la taverna della “Festa d’Autunno”
21.00Corteo storico e cerimonia in costume
22.30Sistemazione dei pellegrini nei luoghi di alloggio

 
 
Venerdì 2 settembre 2011
Valfabbrica – San Pietro in Vigneto: 15 km circa
 
8.30 Abbazia di Santa Maria Assunta, ritrovo dei pellegrini e partenza
10.00Sosta e ristoro
12.00Caprignone, pranzo al sacco
16.30Arrivo all’eremo di San Pietro in Vigneto e riflessione conclusiva della giornata
19.00 Cena e pernottamento

 
 
Sabato 3 settembre 2011
San Pietro in Vigneto – Gubbio: 14 km circa
 
8.30Partenza dall’eremo e passaggio all’abbazia di Vallingegno
12.00Pranzo al sacco lungo il sentiero
15.30Arrivo alla Chiesa della Vittorina a Gubbio. Raduno nazionale dell’Associazione Affidatari Allevatori del Lupo Italiano (Aaali Aps), con prove di ricerca dispersi, agility e obbedienza. Breve riflessione conclusiva sul pellegrinaggio 2011 sul Sentiero di Francesco
18.30 Chiesa di San Francesco, celebrazione eucaristica presieduta dal Vescovo di Gubbio e consegna del messaggio delle Famiglie Francescane ai partecipanti al pellegrinaggio
20.00Cena e commiato

 La partecipazione al pellegrinaggio è aperta a tutti, libera e gratuita. Alcuni servizi, come pasti, alloggi e trasporti, vengono garantiti dietro versamento di una quota di iscrizione commisurata al pacchetto di servizi richiesti.

 
Per informazioni
 Ufficio pellegrinaggi della Diocesi di Gubbio
Largo Vescovato, 1 – 06024 Gubbio (PG)
Tel. 075.9273980 – InfoLine 335.1756907
E-mail
pellegrinaggi@diocesigubbio.it
Web www.ilsentierodifrancesco.it

Invia una domanda