Il nostro Network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels/Alloggi | Ristoranti/Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | Youtube | Google+ | iPhone | Android | Windows Phone |
Lunedì 5 Dicembre 2016

Narni: celebrazione per la festa di sant’Agostino e secondo appuntamento con le visite guidate alla chiesa e alla cattedrale

Secondo appuntamento a Narni con l’inizitive delle visite guidate alla Cattedrale dei Santi Giovenale e Cassio e alla chiesa di Sant’Agostino. Domenica 28 agosto, in occasione della memoria liturgica di Sant’Agostino, il parroco don Angelo D’Andrea, dopo circa quarant’anni di chiusura al pubblico, celebrerà alle ore 18 la Santa Messa nella chiesa di Sant’Agostino, mentre nel corso della giornata sarà possibile visitare la stessa chiesa e la Cattedrale dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 18. Uno storico dell’arte, facente parte della neo commissione di arte sacra istituita dal parroco, sarà presente in maniera continuativa nel sito per offrire, a tutti coloro che vorranno partecipare, una visita guidata alle più significative testimonianze artistiche presenti nell’antica chiesa, mentre contemporaneamente una seconda guida autorizzata accompagnerà i turisti per una visita alla Cattedrale e all’adiacente campanile. Come avvenuto già il 15 agosto ai visitatori sarà richiesto un contributo volontario che sarà devoluto alla Caritas Italiana per l’emergenza umanitaria in Corno d’Africa.
L’iniziativa vuol celebrare la figura di Sant’Agostino nella chiesa narnese a lui dedicata che fu sede dell’ordine agostiniano, ma soprattutto riportare l’attenzione su uno dei monumenti più ricchi d’arte del territorio che, da troppo tempo, è stato abbandonato a se stesso e necessita di un urgente intervento di ristrutturazione e di recupero, soprattutto nella zona riguardante le antiche sacrestie e la Cappella di San Sebastiano, uno dei luoghi più interessanti della Chiesa stessa, completamente affrescata nel periodo che va dal XV al XVI secolo.
“Purtroppo, malgrado i numerosi appelli fatti ad Istituzioni ed Enti – spiega il parroco don Angelo D’Andrea – nessuno ha dato risposte concrete tese alla salvaguardia di un bene che dovrebbe essere considerato patrimonio della popolazione tutta”.

Invia una domanda